Home » Pastiera e non solo

Pastiera e non solo

a cura di Giulia Macrì
852 visualizzazioni

Ricetta del dolce tipico campano più facile, ma sempre nel rispetto della tradizione, con il grano cotto D’Amico, conservato al naturale e pronto all’uso: un ingrediente sano, versatile e ideale anche per tante altre preparazioni.

pastiera napoletana

Nella bellissima leggenda che lega il tipico dolce napoletano al mito della sirena Partenope – alla quale la popolazione del golfo di Napoli volle fare omaggio di 7 doni simbolici come ringraziamento per il suo melodioso canto e lei ne fece gli ingredienti della squisita pastiera – il grano cotto nel latte era uno dei regali più preziosi, rappresentativo dell’unione tra prodotti della terra vegetali e creature animali. Gli altri si narra che fossero – con qualche “licenza” storico-mitologica – la farina (la ricchezza); la ricotta (l’abbondanza); le uova (la fertilità); i fiori d’arancio (il profumo della terra e dei suoi agrumi, o di altri frutti, dato che nell’antichità le arance, di origine asiatica, non erano ancora così diffuse nel Mediterraneo…); le spezie (i mondi lontani); lo zucchero (la dolcezza), a tutt’oggi i componenti della ricetta classica. Ma, al di là del fascino del mito, questo dolce sopraffino e profumato della tradizione partenopea costituisce senza dubbio il modello di una pasticceria storica, carica di significati e valenze culturali, che si è tramandata di epoca in epoca fino a  noi. Ma se la ricetta classica è rimasta invariata, la sua preparazione, oggi, può avvantaggiarsi dell’uso di prodotti che ne possono ottimizzare tempi e qualità, senza farle perdere genuinità. Come nel caso del grano già cotto che facilita e velocizza il procedimento, evitando di tenere in ammollo per almeno 24 ore il grano crudo e poi di cuocerlo per altre 2 ore. A proporlo secondo tradizione è D’Amico, azienda campana di conserve alimentari, che, pur nei grandi quantitativi della produzione industriale, garantisce un’attenta selezione della materia prima e metodi di lavorazione tecnologicamente avanzati, ma fondati su criteri e sistemi di sostenibilità. Il grano cotto in questione, poi, che riporta utilmente sulla confezione (in vetro da 580g; prezzo consigliato 1,19 €) proprio la ricetta tradizionale della pastiera, può essere utilizzato anche per altre ricette sia dolci sia salate, dal gelato al porridge, dalle polpette alle torte rustiche. Della D’Amico abbiamo testato e particolarmente apprezzato anche gli ottimi sott’oli, i sughi e i condimenti pronti, e i vegetali al naturale, speciali per sapore e freschezza.

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento