Home » Le rose di Roma

Le rose di Roma

a cura di Lia D'Angiolino
220 visualizzazioni
Roseto comunale Roma

Avete ancora fino al 15 giugno per visitare interamente uno degli angoli più rilassanti e colorati di Roma, il Roseto comunale. In splendida posizione, sulle pendici dell’Aventino e sopra il Circo Massimo, ospita in circa 10.000 mq oltre 1.100 specie di rose da tutto il mondo, che in questo periodo offrono lo spettacolo delle fioriture, in una sorprendente varietà di tinte, grandezze, forme, e profumi. Il tutto sullo sfondo di una vista spettacolare, tra cupole e campanili. L’area era destinata al verde fin dal III secolo a.C., come sappiamo da Tacito che negli Annales parla di un tempio dedicato alla dea Flora. Nel Seicento diventò Orto degli Ebreicon annesso il cimitero della comunità, spostato al Verano negli anni Trenta. A ricordo di questo, quando, dopo anni di abbandono della zona, nel 1950 venne costituito il roseto, venne posta una stele all’ingresso e i vialetti che dividono le aiuole nell’area alta riprendono la forma del candelabro a sette bracci. È in questa area, che si trova la collezione di rose botaniche, antiche e moderne, che permette di seguire l’evoluzione di questi fiori dall’antichità a oggi. Mentre la parte inferiore è dedicata alle nuove varietà di rose provenienti da tutto il mondo per partecipare al Premio Roma, concorso internazionale di riferimento per il settore. Le piante vengono messe a dimora due anni prima, per mettere loro di acclimatarsi e dare il meglio al momento della gara, e le vincitrici di ogni edizione rimangono nel giardino.

L’ingresso al Roseto è libero e gratuito, dalle 8.30 alle 19.30. Fino al 15 giugno è aperto tutto il giardino, zona concorso e zona collezioni. Solo quest’ultima rimane aperta fino a ottobre.

Viale di Valle Murcia 6 – tel. 06 57 46 810

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento